sabato 9 settembre 2017

Recensione | Scarlet - Marissa Meyer

Buon pomeriggio readers!
Ho iniziato a guardare Trono di spade e mi sta coinvolgendo tantissimo, cosa che non mi sarei mai aspettata perché non è il mio genere, e invece, provare per credere. Le casate, giochi di potere e sotterfugi mi hanno conquistata. Non vedo l'ora di iniziare la seconda stagione.
Nel frattempo oggi eccomi qui con una nuova recensione delle Cronache lunari, il volume di cui vi parlerò è il secondo, Scarlet che mi è piaciuto ancor più del primo e che mi ha fatto affezionare in modo sorprendente a tutti i personaggi.



Titolo: Scarlet
Autore: Marissa Meyer

Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: Aprile 2013
Prezzo: 17,00 €
Pagine: 425
Trama:
Anno 126, Terza Era. Androidi e umani popolano le strade di Nuova Pechino, sotto lo sguardo implacabile degli abitanti della Luna. Cinder, giovane cyborg e legittima erede al trono lunare, evade dalla prigione in cui è stata rinchiusa per partire alla volta di Parigi, alla ricerca della donna che in passato l'ha nascosta dalla malvagia Regina Levana. Il suo destino si intreccia a quello di Scarlet, giovane contadina francese costretta ad abbandonare la sua fattoria per ritrovare la nonna, scomparsa senza lasciare traccia. Insieme, con l'aiuto dell'ambiguo Wolf, esperto di combattimenti clandestini, e dell'affascinante cadetto Carswell Thorne, Scarlet e Cinder scopriranno di dover combattere un nemico comune: la Regina Levana, pronta a scatenare la guerra per indurre il principe Kai a sposarla e affermare la supremazia dei Lunari sulla Terra. Vigilata da una luna ostile e minacciosa, Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, dovrà attraversare una città insidiosa come il profondo del bosco, e scoprire se dietro il conturbante Wolf si nasconde un alleato... o un predatore. 
La mia recensione:

Dopo l'incoronazione del principe Kai e dopo il ballo al palazzo per i festeggiamenti dei 126 anni di pace nell'Unione Terrestre, Cinder è stata smascherata come lunare fuggiasca dalla regina Levana e viene fatta rinchiudere nelle prigioni imperiali di Nuova Pechino. Proprio nelle prigioni il dottor Erland le svela la propria identità, perché Cinder non è solo una lunare, ma è anche la scomparsa principessa Selene, legittima erede al trono. Levana ha riconosciuto subito la nipote ed è intenzionata a far uccidere Cinder, in modo da continuare a mantenere il suo titolo di regina, ma per Levana non sarà così semplice.
Grazie all'aiuto del dottore, la giovane cyborg ha delle nuove protesi e il potere lunare a cui attingere, così riesce a scappare dalla sua cella ed assieme ad un altro detenuto, Carswell Thorne, evadono dalla prigione.
Carswell Thorne non è un semplice detenuto, ma è un ladro condannato in ben tre dei paesi dell'Unione Terrestre e si rivela un buon alleato di Cinder, nel momento in cui dispone di una Rampion 214 rubata, una nave cargo spaziale appartenente alla repubblica americana. Cinder e Thorne scappano nello spazio e ben presto diventano dei ricercati intergalattici ma nessuno riesce a individuarli.

Nel frattempo a Rieux in Francia, un paese della federazione europea, una giovane ragazza riceve una notizia sconcertante: il caso di sua nonna Michelle Benoit, scomparsa da più di due settimane, viene archiviato per mancanza di prove. Scarlet è sola al mondo, l'unica persona che si è sempre occupata di lei è stata sua nonna e ha tutte le intenzioni di trovarla e di salvarla.
In tutto il mondo non si parla d'altro della giovane cyborg del Commonwealth orientale, evasa di prigione e Scarlet, durante una consegna di prodotti della fattoria Benoit in una taverna, si ritrova a litigare con delle persone del paese perché prova a prendere le difese di Lihn Cinder, che è solamente una ragazzina di sedici anni, e viene giudicata pazza come sua nonna. In aiuto di Scarlet interviene un ragazzo misterioso che si è trasferito da quelle parti solo da poche settimane e la difende dalla gente della taverna. In questo modo Scarlet conosce Wolf, un ragazzo che faceva parte di una banda chiamata Ordine dei Predatori e che sembra centrare con la sparizione di sua nonna e assieme a lui parte per Parigi, combattendo contro il tempo nella speranza di salvare sua nonna.



A Nuova Pechino, l'imperatore Kai se da una parte è sollevato per la sparizione di Cinder dall'altra parte è terrorizzato all'idea di dover sposare Levana, ma è l'unica cosa concreta che può fare se ciò vuol dire salvare il suo popolo dalla letumosi e dalla minaccia costante di una guerra contro la Luna.

Cinder e Thorne, assieme ad Iko, che attraverso il suo cip è divenuta il sistema di controllo della Rampion, sono ancora nello spazio, ma sono obbligati a fare una sosta nella Terra per fare dei rifornimenti e reperire dei pezzi di ricambio per la nave cargo. Tutte le informazioni che conosce Cinder sul suo passato sono menzogne per poterla nascondere dalla regina Levana, ma l'unica cosa che sa è che Nainsi, l'androide di Kai che cercava la principessa Selene, ha nominato una certa Michelle Benoit che abitava nella federazione europea e Cinder è convinta più che mai di voler conoscere il suo passato e solamente quella donna può aiutarla.

Scarlet è il secondo volume delle Cronache lunari, e si è rivelato ancora più avvincente del primo libro, forse è il mio preferito in assoluto. Le storie dei nuovi protagonisti si intrecciano inevitabilmente con Cinder, e lasciatemelo dire: li ho adorati tutti quanti!
Ho amato il capitano Carswell Thorne e i suoi battibecchi con Cinder, è un personaggio ironico che riesce a sdrammatizzare qualsiasi situazione, pieno di sé e con un ego smisurato, ma che sa essere gentile e buono.

- Un capitano sa sempre dove si trova la sua nave. È come un legame psichico.-- Se solo avessimo un capitano qui.-

Scarlet e Wolf assieme sono bellissimi, e ammetto di aver temuto ad un certo punto per il loro futuro assieme. Scarlet è una combattente, forte, impavida , testarda e fiera che non si ferma davanti a nulla, sacrificandosi per le persone a cui tiene, mentre Wolf, timido, pieno di energie e con un segreto che lo logora e lo distrugge mi è entrato subito nel cuore.

-Wolf. - Aveva la lingua secca. Cercò di inumidirsi le labbra asciutte e sentì il sapore del sangue. - Cosa ti hanno fatto?- Tu. - Le sputò addosso quella parola, piena di odio – Tu cosa mi hai fatto?

-Ma tu sei l'unica, Scarlet. Sarai sempre l'unica.-

Degno di nota è anche Kai, che seppur ha un ruolo minore in questo capitolo è adorabile quando cerca di essere diplomatico, ma il suo amore verso Cinder è così evidente per chiunque.
E per ultima, ma non per importanza, la mia adorata Iko, che se nel primo libro mi era piaciuta, in questo volume mi ha fatto impazzire. Ogni sua scena è briosa, piena di leggerezza e sarcasmo anche nelle situazioni più pesanti ed è un personaggio singolare nel suo genere.


- Cinder, - disse Iko dopo diversi minuti di esplorazione in silenzio - Sono enorme.-

Lo stile narrativo di Marissa Meyer è impeccabile come al solito, e mi è piaciuto molto l'alternarsi di capitoli e di personaggi diversi.

I personaggi sono ben delineati caratterialmente, se nel primo romanzo abbiamo conosciuto una Cinder schiva, che ha solo subito ingiustizie dalla vita e ha sempre saputo che la gente la odiava per la sua diversità, Scarlet invece è più determinata davanti agli ostacoli, sa che deve salvare sua nonna, farebbe di tutto per lei, perché è questo che le ha insegnato sua nonna, ad essere fiera e indipendente e a pensare con la sua testa. Solo in questo libro Cinder inizia a capire che cosa voglia dire non sentirsi sola e avere qualcuno al suo fianco che la considera un'amica e non un'inutile cyborg e Scarlet scopre con orrore ciò che sono capaci di fare i lunari alla propria gente pur di mantenere il potere.
Senza dubbio vi consiglio di leggere anche questo romanzo, e se Cinder non vi ha convinto inizialmente vi posso assicurare che vale la pena di continuare questa saga sci-fi.

La mia valutazione:


Compralo cliccando la cover










Nessun commento:

Posta un commento